Archivio notizie

UNA SPLENDIDA MONTECATINI VINCE GARAUNO: 65-53

Pubblicato in - 2018-04-30 16:15:00

I playoff non potevano iniziare nel modo migliore. Con una prestazione corale efficace, propositiva, intensa, che ha sicuramente rovinato i piani della Rekico Faenza, i rossoblù hanno vinto garauno (65-53) portandosi in vantaggio nella serie: garadue si giocherà mercoledi a Faenza (ore 20,30). Capolavoro tattico di coach Campanella e del suo staff, che studiano una gara ricca di trappole che hanno ingarbugliato la fluidità degli avversari, belli a vedersi ma impantanati in una difesa che ha tolto loro ogni certezza.

Partita di grande intensità agonistica tra due squadre che hanno interpretato al meglio il clima playoff. Montecatini ha giocato una gara impeccabile soprattutto in fase difensiva, spegnendo le bocche da fuoco avversarie (Perin 3/11, Iattoni 3/8, Venucci solo 8 tiri dal campo) e giocando una gara magistrale in attacco nella circolazione di palla, non supportata però dalle percentuali. Il merito dei rossoblù è quello di entrare con la testa giusta nella serie, imponendo dinamismo e fisicità su una squadra che temeva proprio questo aspetto. Nel primo quarto le schermaglie tra le due squadre producono grande equilibrio (20-19), nonostante le percentuali di entrambe non siano elevatissime. Galmarini si dimostra subito pimpante e il suo gioco interno mette in difficoltà i lunghi avversari, il ritmo e il clima sono da playoff puri, i contatti sono portati all’estremo e gli arbitri offrono una direzione poco costante. Montecatini inizia a mettere le mani sulla partita con le triple di Petrucci e i canestri di Centanni e Artioli. E’ soprattutto Petrucci a capire il momento di difficoltà degli avversari, e infila 8 punti a cavallo del primo e secondo periodo che disegnano il primo importante vantaggio interno (44-35, appoggio di Galmarini su assist di Artioli). Faenza accusa il momento negativo, non riuscendo a esprimere il proprio basket soffrendo la grande intensità di Montecatini. Perin e Venucci non riescono a incidere, dalla panchina coach Regazzi non riesce a trovare linfa per cambiare il trend. Dopo il massimo vantaggio rossoblù (52-38) siglato da Galli dopo aver subito un fallo antisportivo, Venucci produce un paio di lampi che rimettono in partita mentalmente i suoi: la tripla allo scadere del terzo quarto fissa il punteggio sul 52-44. Gara quindi tutta da giocare e che rischia di cambiare padrone definitivamente con l’uscita di Galmarini per 5 falli (quarto fallo più tecnico), e con Artioli che subito dopo sale a 4 falli quando mancano sette minuti alla fine. Montecatini ha il merito di non disunirsi, nonostante il primo canestro dell'ultimo quarto arrivi dopo 4 minuti e nonostante Faenza, comunque con grande fatica e grazie ai liberi, arrivi a -3 (54-51 al 35’). Quando la Rekico fiuta il colpaccio sale in cattedra Francesco Evotti, che segna una tripla centrale alla fine di una ottima azione corale e qualche azione dopo subisce uno sfondamento che spegne le velleità degli ospiti. Artioli in tap in disegna il +8 (58-51) e poi rimette le distanze giuste dalla lunetta, facendo esplodere di gioia il Palaterme. Quando coach Regazzi toglie Venucci a 1'30" dalla fine è il segno della resa, Montecatini può festeggiare la prima vittoria di una partita playoff della sua storia. Adesso i rossoblù hanno in mano due match point per approdare in una storica semifinale, ma questa serie con Faenza è tutt'altro che chiusa: mercoledi in garadue sarà tutt'altra musica. 

MONTECATINI - Centanni 12, Artioli 12, Meini 3, Galli 5, Galmarini 12, Petrucci 15, Callara, Evotti 6, Alioune ne, Mucci ne, Bolis. All.: Campanella.
FAENZA – Aromando 2, Perin 10, Silimbani, Benedetti 2, Venucci 15, Iattoni 9, Pagani 3, Milosevic, Chiappelli 9, Brighi 3. All.: Regazzi.
ARBITRI : Scarfò e Praticò di Reggio Calabria.
NOTE - PARZIALI: 20-19, 36-30, 52-44. Tiri da due: Montecatini 13/27, Faenza 11/32. Tiri da tre: Montecatini 10/33, Faenza 6/19. Tiri liberi: Montecatini 9/11, Faenza 13/19. Rimbalzi: Montecatini 43, Faenza 33. Assist: Montecatini 12, Faenza 7.

Commenti