Archivio notizie

FINE DELLE PAROLE: DA DOMENICA SI FA SUL SERIO

Pubblicato in - 2018-05-12 18:33:00

Inizia domenica al Pala Ahrcos di Cento la serie di semifinale contro la Baltur Cento, seconda puntata di un playoff che ci ha già catapultato nella storia. Alle 18 scenderemo in campo per la prima di tre (o quattro) partite in una settimana, in una serie che si annuncia elettrizzante e massacrante, fisicamente e mentalmente, perchè stavolta l'asticella si alza e parecchio. Se Faenza era una squadra bella a vedersi ma poco solida e incisiva nelle fasi decisive, i ragazzi di coach Campanella affronteranno stavolta un complesso di tutt'altro spessore, formato da giocatori esperti di playoff, esperti di pallacanestro, già vincitori di campionati come Vico, Rizzitiello, Piunti e Cantone. Una squadra tetragona, con punti nelle mani negli esterni e duttile nel pitturato, anche se l'assenza di Benfatto potrebbe risistemare le cose soprattutto a favore di Galmarini. "Dovremo giocare una partita attenta, puntando sulla nostra difesa e cercando di non subire il loro gioco a tutto campo: Cento è una squadra che fa del ritmo una delle chiavi offensive più pericolose" dice coach Campanella, che col suo staff ha studiato la squadra centese in ogni singolo aspetto. Il coach della Baltur, Benedetto, presente al Palaterme per garatre con Faenza, ha avuto parole di grande stima e rispetto nei confronti della nostra squadra. Cento è consapevole di affrontare una squadra di leoni affamati che non ha nulla da perdere, ma è anche consapevole della propria forza, del valore aggiunto del Pala Archos (una sola sconfitta su 31 partite) e quindi di un fattore campo che potrebbe giocare un ruolo decisivo.

Tatticamente, i rossoblù dovranno essere bravi negli accoppiamenti difensivi, nel mischiare le carte in modo da togliere punti di riferimento ad una squadra che riesce a trovare punti un po' da tutto il quintetto base. Le soluzioni a disposizione della Baltur sono tante sia fuori che in area, ma l'uomo chiave è senza dubbio Nelson Rizzitiello, del quale conosciamo benissimo la sua capacità di essere pericoloso da fuori e da sotto con la stessa efficacia. "Dovremo affrontare questa serie con grande entusiasmo, potrebbe essere il trucco per scombinare le carte" sottolinea Alessio Bolis. E considerando che da una parte c'è una squadra "condannata" a vincere, e dall'altra una squadra che gioca senza pressione, il mix potrebbe rivelarsi sorprendente. 

Commenti