Archivio notizie

ROSSOBLU', OCCHIO ALLE TRAPPOLE DI COACH PASSERA

Pubblicato in - 2017-11-04 18:33:00

Dimenticare Milano e mantenere inviolato il Palaterme sono gli incipit con cui Montecatini scende in campo domenica al Palaterme (ore 18), per affrontare il Mamy Oleggio, una squadra inserita nel numeroso lotto di pretendenti ad un posto playoff, che non ha iniziato la stagione nel migliore dei modi (2 vinte e 4 perse) ma che per talento del roster e saggezza ed esperienza di coach Passera può benissimo ambire a posizioni superiori. Costruita intorno all'estro e all'imprevedibilità dei fratelli Hidalgo, la squadra piemontese può contare sul tiro e sulla fisicità di Gallazzi, il miglior realizzatore della squadra, un giocatore che può segnare in tanti modi e la cui marcatura sarà una delle chiavi del match. Completano il quintetto il tuttofare Calzavara e i due lunghi Spatti e Marusic, con quest'ultimo in dubbio per un problema fisico. Dalla panchina escono giocatori affidabili come l'altro Hidalgo, Penny, e il lungo Colombo, solido e roccioso. Coach Campanella drizza le antenne sulle difficoltà del match: “Giocheremo contro una squadra ben messa fisicamente, che nei 5 ruoli del quintetto schiera giocatori esuberanti, basti pensare a Shaquille Hidalgo che gioca play ma che spesso va a cercare mismatch spalle a canestro, così come Gallazzi, il giocatore più pericoloso dei piemontesi, ottimo tiratore da fuori. Dovremo cercare di contenere i loro uno contro uno, di tenere botta sottocanestro evitando che la loro fisicità abbia la meglio e limitare il più possibile il contropiede. Saremo alla terza partita in sette giorni - continua Campanella - ma anche i nostri avversari. Dopo la partita di Milano abbiamo ricaricato le batterie, lavorato su aspetti del gioco da migliorare e siamo pronti per dare fondo alle nostre energie per chiudere nel miglior modo possibile questo tour de force”. I rossoblù arrivano a questo match con qualche problema d’infermeria: Galmarini, Meini e il convalescente Callara non sono al 100% ma saranno sicuramente in campo.

L'importante in questo girone così equilibrato non è provare a battere le "grandi", ma raccogliere punti contro le squadre della stessa fascia (che sono tante) e mettere fieno in cascina. La partita con Alba ha insegnato che non bisogna sottovalutare nessuno, e battere Oleggio potrebbe essere più importante che battere domenica prossima Omegna.

Commenti