Archivio notizie

UMORI OPPOSTI NEL DOPO PARTITA

Pubblicato in - 2018-01-15 19:23:00

Dopo una partita così, in sala stampa gli umori non possono che essere opposti. Da una parte un Federico Campanella gongolante dopo la splendida vittoria in rimonta e che si gode il giro del campo con in braccio la figlia (che, non a caso, si chiama Vittoria); dall'altro un Baldiraghi deluso per come la squadra si è persa nell'ultimo quarto, stritolata da una Montecatini arrembante e priva di energie nel momento decisivo. Ciò non toglie nulla alla vittoria rossoblù, che ha stretto alla giugulare la squadra ospite con un tremendo parziale di 53-31 in 15' della ripresa. Il coach rossoblù è orgoglioso per il secondo tempo giocato dalla sua squadra: “C’è poco da dire, i ragazzi hanno giocato una super partita. Nel momento più difficile hanno avuto una grande reazione. Nel primo tempo abbiamo accusato il colpo dell’assenza di Centanni, dovevamo riorganizzarci mentalmente e tatticamente ed eravamo bloccati. Pavia è stata brava a giocare sulle nostre debolezze e abbiamo avuto qualche problema in attacco. Nella ripresa, cercando certezze nella nostra difesa e facendo qualche accorgimento tattico sulla loro difesa sui pick and roll, la gara è cambiata. Le tre triple consecutive di Meini e Galli hanno riacceso la fiamma e poi è andato tutto in discesa”. Sebbene una vittoria così deve essere accreditata a tutta la squadra, il coach riserva una menzione particolare per capitan Meini: “Guido si è letteralmente caricato la squadra sulle spalle, nel momento più difficile ha segnato canestri di puro talento e cuore, è stato il protagonista di quelle follie agonistiche che ribaltano partite complicate come queste”.  Come detto, umore ovviamente opposto per il coach della Winterass, Massimiliano Baldiraghi: “C’è poco da fare – dice il coach pavese – quando Montecatini gioca con questa energia è difficile da contenere. Noi siamo calati inesorabilmente soprattutto nell’ultimo quarto anche a causa delle pessime condizioni fisiche che ci costringono ad allenarci in pochi e con tante difficoltà. Abbiamo avuto difficoltà sul perimetro concedendo tante triple a Montecatini, che si è esaltata ed ha trovato quel che nel primo tempo non gli abbiamo concesso. Purtroppo sapevamo che senza Di Bella e Samoggia sarebbe stata dura. Il buon primo tempo non poteva bastare, siamo stati bravi in difesa e a contenere Galmarini”. 

Commenti