Archivio notizie

IL PROSSIMO AVVERSARIO: PINO DRAGONS FIRENZE

Pubblicato in - 2016-12-02 17:09:00

La decima giornata di campionato porta al Palaterme il Pino Dragons Firenze, sponsorizzata Enic e allenata da Lapo Salvetti, deus ex machina dell'ultimo decennio del basket fiorentino. Il Pino è una delle società attualmente meglio radicate nel territorio del capoluogo toscano, rappresentante di una città che ha una storia intrigante col basket fatta di successi, di giocatori attira folle come J.J. Anderson (idolo degli anni 90) e che ha uno tra i palazzetti più belli d’Italia, il Mandela Forum. Il Pino non è certamente la squadra che ha preso il posto della Pallacanestro Firenze e non vuole identificarsi con essa, ma è una società che si è fatta da sola, ha costruito un settore giovanile investendo nel territorio, andando nelle scuole, ovvero cercando di attirare a sé quei fiorentini grandi e piccini che credono ancora nella pallacanestro, nonostante siano arrivate tante disillusioni. E se da una parte c’è una Fiorentina Basket che nasce e risorge più volte con facilità impressionante, il Pino rappresenta il consolidamento di un progetto; storicamente il Pino Dragons Basket Firenze nasce nel 1993 con la denominazione CMB Pino Firenze raccogliendo l’eredità dell’Unione Sportiva Pino Firenze. E nel maggio scorso la prima squadra ha raggiunto l’obiettivo più ambizioso possibile: la promozione in serie B. L’inizio di questa stagione non è stato sicuramente dei migliori, dato che dopo nove giornate i ragazzi di coach Salvetti non hanno vinto neanche una partita. Ma sabato scorso ci sono andati davvero vicini, perdendo solo all’ultimissimo secondo contro la Sangiorgese. Ad un gruppo di buoni giocatori del calibro di Passoni, Magini, Filippi, Galmarini e Marmugi, la scorsa settimana la società aggiunto un giocatore di grande esperienza come l’ala Giovanni Rugolo, che già al debutto sabato scorso ha mostrato di poter essere molto utile alla causa, alzando la qualità del quintetto gigliato e le soluzioni a disposizione del coach. In panchina, il Pino può contare su un gruppo di ragazzi motivati e determinati, in grado di imprimere molta energia sia negli allenamenti che in partita, quando chiamati in causa.

Commenti